Categoria: Blog
  • 21 Gen, 2022
  • By Ilaria Alberton

Imprese: cosa aspettarsi dal 2022?

Nei precedenti articoli abbiamo affrontato alcuni dei temi che ridefiniranno strategie e direzione delle imprese nel prossimo futuro.

Ovviamente, i nuovi criteri ESG saranno alcune delle variabili da osservare con attenzione, tanto che la stessa Legge di Bilancio conferma la volontà di destinare sempre più risorse ad imprese attente al sociale ed all’ambiente.

Questo contesto non può di certo tralasciare le conseguenze legate alla pandemia e tutti gli interventi introdotti negli scorsi anni per supportare le aziende italiane. Resta quindi da esplorare cosa ci riserva il 2022, tra opportunità ed ostacoli.

In questo articolo parleremo di:

 

La crescita delle aziende

Il 2022 si apre con aspettative di crescita dei ricavi a due cifre, grazie all’acquisizione di nuovi clienti nei mercati esteri. Questo è quanto viene affermato all’interno del report “Navigator di Hsbc: voice of business”, risultato dello studio condotto su di un campione di 7.350 manager globali. Nello specifico, si prospetta una crescita media del 19% dei fatturati nei prossimi 12 mesi.

Per favorire il raggiungimento di questi risultati sarà sicuramente importante gestire le dinamiche relative alle forniture, oltre a favorire l’innovazione, incrementare la sostenibilità e l’utilizzo delle tecnologie per una maggiore efficienza.

 

L’importanza del digitale

La pandemia ha costretto le aziende a capire quanto sia fondamentale investire nel digitale, velocizzando la svolta tecnologica per erogare servizi da remoto, mantenere il livello delle vendite grazie agli e-commerce e permettere ai propri dipendenti di lavorare da casa.

L’immediata conseguenza è stata una crescita delle imprese votate al digitale, impegnate nella creazione di software, IoT, sicurezza informatica e BI.

In questo senso, il 2022 vedrà quasi la metà delle grandi imprese e PMI italiane aumentare il budget stanziato per il digitale, oltre a sposare l’Open Innovation come modalità di crescita per esplorare nuove tecnologie ed opportunità. Si apre, quindi, un importante tema di condivisione di conoscenze ed esperienze, che vede collaborare grandi aziende e start up per il bene di tutta la comunità.

 

Gli elementi di rischio

Lo scenario in cui crescita e digitale sembrano intrecciarsi perfettamente non deve però far dimenticare la presenza di alcuni elementi di rischio che le aziende dovranno fronteggiare nel 2022.

Primo fra tutti è l’allarme dato da Confindustria sull’aumento dei prezzi dell’energia. Quest’anno si prevede infatti un costo pari a 37 miliardi di Euro, contro i 20 miliardi di Euro del 2021. Il problema diventa centrale per quelle imprese energivore che già in questo primo mese stanno rallentando o addirittura fermando la produzione per contenere le spese.

Proprio queste sono le realtà che nel corso del 2022 dovranno affrontare la sfida legata all’adozione di alternative maggiormente sostenibili e possibilmente in grado di portare beneficio anche in termini economici.

 

Fonti

Teleborsa 

Milano Finanza 

Il Sole 24 Ore 

Il Sole 24 Ore 

Repubblica

Possiamo supportare la tua azienda. Parliamone insieme!

CLICCA QUI